Sabato, 01 Maggio 2021 14:00

Intelligenza Artificiale al servizio del “Problem Solving”

Scritto da
Vota questo articolo
(6 Voti)

Negli ultimi anni si è sentito parlare sempre più spesso di Intelligenza Artificiale e delle sue numerose applicazioni. Tale tecnologia ha fatto passi da gigante, divenendo sempre più importante per moltissime imprese, basti pensare alle trasformazioni che sta portando ai processi economici e sociali.

Le società che stanno applicando questa nuova tecnologia informatica sono in grado di cambiare profondamente le logiche e le dinamiche dei precedenti modelli di business. La gestione delle Banche Dati, unitamente a programmi di A.I., consentono di aumentare esponenzialmente la  velocità e la precisione della ricerca, generare nuove concezioni (basate su una mole importante di dati, per delineare nuove strategie operative), ridurre o gestire l’errore umano, ed, infine, ottimizzare i processi produttivi, per esempio  implementando sistemi di manutenzione predittiva che sfruttano algoritmi di apprendimento automatico (machine learning), riducendo l’impatto di eventuali guasti o malfunzionamenti.

Tutto questo migliora le performance delle aziende che adottano questo nuovo paradigma, permettendo un supporto efficiente, adattivo e preciso sia sul piano strategico che su quello operativo.

Da un certo punto di vista la A.I. potrebbe essere associata al timore che questi nuovi sistemi prendano il sopravvento sui metodi e processi lavorativi tradizionali, rendendo alcune occupazioni superflue o facilmente sostituibili. Questo, tuttavia, non dovrebbe costituire motivo di preoccupazione, dal momento che questi sistemi vengono progettati, di fatto, come un supporto alle persone e non come uno strumento per rimpiazzarle, dando, di conseguenza, vita a nuove opportunità lavorative, organizzative e commerciali, a patto che, contemporaneamente allo sviluppo tecnologico, ci sia la volontà di far crescere, attraverso specifici programmi formativi, anche le competenze dei nuovi operatori da impiegare.

Una forte accelerazione in questa direzione, quasi senza precedenti, è stata data dalla comparsa del Covid-19. Infatti, quasi tutte le Software House hanno subito iniziato a pensare, e poi a rendere disponibili, nuove soluzioni informatiche per poter lavorare da remoto, gestire riunioni virtuali con colleghi e clienti (o potenziali tali), in un'ottica non solo di sicurezza individuale, riducendo di fatto le possibilità di contagio, ma anche rendendo disponibili strumenti di connessione che fino a quasi ad un anno fa non erano ancora stati pensati e/o potenziati come li conosciamo oggi. Pensiamo, solo per fare un semplice esempio, ai web-meeting e alle loro evoluzioni, con Zoom in primis, per potersi confrontare in una riunione con più partecipanti.

Tornando all’impiego della A.I. in ambito lavorativo, è chiaro che la possibilità di incamerare, ricercare, confrontare, associare ed abbinare un’enorme mole di dati, attraverso precisi algoritmi logici o di calcolo, o comprendere in modo semantico una richiesta e dare una precisa risposta, diventa una risorsa determinante per aumentare potenzialmente qualsiasi tipo di performance professionale.

Ma perché l’intelligenza artificiale è così significativa per Bartners?

Bartners, fin dalla sua concezione ed in un'ottica decisamente lungimirante, ha puntato su questa ultima frontiera tecnologica, per realizzare un nuovo sistema economico basato sulla referenzialità commerciale, ovvero abbinare alle svariate esigenze di approvvigionamento aziendale, le rispettive soluzioni proposte da aziende altamente profilate, quindi riconosciute e calibrate per le specificità di intervento. Portare in tempi rapidi una precisa soluzione ad un fabbisogno attraverso un’Azienda specializzata è, infatti, la principale missione del Sistema. Diventa facile pensare, dunque, che Bartners è in grado di rappresentare, con la sua organizzazione, la prima struttura di Problem Solving Industrializzato, in grado d’ individuare per ogni tipo di problematica il giusto interlocutore, esclusivamente referenziato, in grado di portare le più adeguate risposte.

Nel caso specifico, l'A.I. rivoluziona la ricerca del fornitore idoneo, individuando fra le aziende appartenenti al Sistema Bartners, e rispondenti alle caratteristiche richieste, quella più qualificata a portare la giusta soluzione alla necessità espressa. Attraverso l’intervento di un professionista, chiamato Business Miner, la parte richiedente viene messa in contatto con la parte offerente consentendo un matching diretto e mirato tra le esigenze palesate da un'impresa e le soluzioni, quali servizi o prodotti proposti da un'altra impresa, in modo da far iniziare loro una collaborazione e originare una nuova sinergia, e supportandoli dove necessario.

In cosa si traduce questo?

Per Bartners è molto semplice: ridurre i tempi di risposta, individuare fornitori referenziati, quindi seri, qualificati e affidabili, presentando soluzioni innovative al cliente e permettendogli di affidarsi ad un partner commerciale unico nel suo genere.

Chiaramente l'A.I. attuale e futura resta, per quanto evoluta, un software e, come tale, ha bisogno di essere supervisionato dall'intervento umano. Ecco come in Bartners entrano in gioco due nuove figure professionali, uniche nel loro genere, per doti e per caratteristiche lavorative: i Solutions Miner e i Business Miner.

Entrambe hanno a che fare con l’esclusivo sistema informatico messo a disposizione da Bartners. I primi si occupano di ricercare nel mercato le aziende che, per caratteristiche distintive, portano nuove soluzioni all’interno del Sistema, nonché arricchire il database con continue informazioni raccolte dalle aziende (Partners) già attive, consentendo di incrementare una banca dati esclusiva.

I secondi, a loro volta, si occupano della ricerca di soluzioni mirate e di novità da proporre, in un'ottica di abbattimento dei costi, riduzione delle tempistiche, per una fornitura di servizi sempre più accurata e su misura per i nostri Partners.

L’A.I., attraverso la sua personale configurazione, è in grado leggere, confrontare ed elaborare in tempo reale le informazioni contenute nel Big Data, restituendo immediatamente in output indicazioni precise per i Business Miner, che provvedono ad organizzare immediatamente un incontro tra le parti per facilitare la conclusione di un nuovo rapporto commerciale.

Tecnicismi a parte, il valore aggiunto che viene portato direttamente alle aziende, attraverso l’impiego dell’intelligenza artificiale, è un’indiscutibile velocizzazione nell’individualizzazione delle soluzioni necessarie alla conduzione corrente di un’attività e/o nell’attivazione di nuove collaborazioni commerciali, il tutto sostenuto da un’organizzazione proattiva a sostegno delle parti.

Come ultima considerazione, è doveroso sottolineare che, senza l’attuale tecnologia, quello che oggi è possibile fare, era pura fantasia fino a qualche anno fa. L’innovazione informatica ed elettronica, con processori sempre più performanti, sta rivoluzionando il modo di fare impresa e la capacità di rimanere nel mercato: restare allineati allo sviluppo tecnologico è una questione di sopravvivenza e continuità aziendale.

Redazione Bartners

La Redazione di Bartners è composta da un team di esperti in Finanza, Economia, Mercati, Gestione Aziendale, Welfare Aziendale in continua ricerca di novità dal mondo dell'Impresa.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.